giugno: 2018
L M M G V S D
« feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Commenti recenti

Archive del 15 giugno 2018

Inizia il viaggio di Villecastella…un gran viaggio!

tania-re-263x300

Sarà il comune di Terre Roveresche ad inaugurare questa nuove edizione di Ville e Castella dal titolo “68, rivoluzioni dolci, anticonformismi
A cinquant’anni dalla contestazione giovanile del 68, anche noi organizzatori renderemo omaggio a quegl’anni senza però celebrare nulla, ma prendendo spunto da queste ricorrenze affronteremo temi come la libertà la sessualità, l’emancipazione, la politica, le rivoluzioni la chiesa la medicina e tanto altro.

Parleremo anche di droghe. E lo faremo proprio in questo primo appuntamento ospitato nel comune di Terre Roveresche (località: Piagge) alle ore 18,30,con la psicologa ed antropologa Tania Re.

Vi lasciamo, di seguito, degli spunti che speriamo troviate interessanti e che saranno un po’ anche il canovaccio della conferenza.
Possono le sostanze psicotrope essere considerate la nuova frontiera della salute mentale?
Per approfondire la questione, dall’11 al 13 aprile si è tenuto al Parlamento europeo di Bruxelles il Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica, organizzato dall’Associazione Luca Coscioni.
Uno degli obiettivi era affrontare il tema della ricerca su sostanze che per anni, nella stragrande maggioranza dei casi e dei Paesi, sono state «proibite», sia in termini giuridici sia soprattutto sotto il profilo della sperimentazione. Il metodo scientifico è strettamente collegato a quello democratico, vietare o limitare immotivatamente la ricerca significa porre un ostacolo al diritto alla salute, sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, dalla Costituzione italiana e previsto in decine di trattati internazionali.
Le tracce archeologiche sull’utilizzo terapeutico, religioso e rituale delle sostanze psichedeliche, come la foglia di coca e la psilocibina, contenuta nei funghi psilocybe in Centro e Sudamerica, sono millenarie e ci riportano a una realtà che la conquista spagnola e poi le politiche proibizioniste hanno alterato a tal punto da distorcere la visione pubblica della questione, legittimando quella che è stata definita una vera e propria «guerra alla droga».
Eppure gli studi di pionieri come Richard Evans Schultes, etnobotanico all`Università di Harvard e specialista delle piante e delle tradizioni amazzoniche, e Albert Hofmann, scopritore 75 anni fa dell`acido lisergico, l`Lsd, avevano sancito l`inizio di una ricerca per l`utilizzo delle sostanze psicoattive in medicina e in psicoterapia.
Ricerche promettenti che sono state però interrotte da anni di proibizionismo, imposto come misura di controllo di fenomeni sociali e culturali di avanguardia: il movimento hippy e la produzione artistica e filosofica della controcultura fiorita negli anni Sessanta e Settanta. Negli ultimi dieci anni, la ricerca è ricominciata all`interno di prestigiose università statunitensi ed europee, che sono tornate a verificare i potenziali effetti benefici di tali sostanze, realizzando studi clinici farmacologici. Risultati positivi, ottenuti dalla New York University, sono stati pubblicati relativamente al trattamento dell`ansia nei pazienti oncologici con l`utilizzo della psilocibina.
A seguire, ore 20,00 circa, la cena offerta da piadineria Dietro le Mura e, a chiusura della serata, ore 21,45,  il concerto del Trio Mezcal Un band giovane  Musica strumentale inedita che viaggia veloce verso visioni d’oriente sulle corde grosse suonate con l’archetto e gli arpeggi distorti della chitarra vintage.